" Più sarà grande la conoscenza di ciò che bisogna fare, maggiore sarà il potere di sapere cosa fare. "
Benjamin Disraeli (ex Primo Ministro inglese)



CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER OPERATORI DELLA SICUREZZA SUSSIDIARIA (Destinati a professionisti che operano in Italia)


  • STEWARD DI STADIO
  • ADDETTO AL CONTROLLO DI INTRATTENIMENTI E SPETTACOLI
  • ASPIRANTE GUARDIA PARTICOLARE GIURATA
  • PERFEZIONAMENTO/AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO GUARDIA PARTICOLARE GIURATA
  • PERFEZIONAMENTO/AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER INVESTIGATORI PRIVATI AUTORIZZATI
  • INVESTIGATORE PRIVATO (COLLABORATORE INVESTIGATIVO)
  • ADDETTO SERVIZI DI PORTIERATO
  • INDAGINI IN AMBITO COMMERCIALE (EX ANTI TACCHEGGIO)


International Investigations & Consulting ltd in partnership con aziende referenziate, promuove e organizza corsi di formazione e aggiornamento professionale che si propongono di fornire ai partecipanti competenze essenziali a livello valutativo, metodologico e professionale nei diversi ambiti legati al settore della  sicurezza sussidiaria.


Obiettivi

I percorsi formativi, adeguati alle richieste di qualificazione professionale e di formazione permanente, intendono trasmettere competenze basilari nell'ambito delle figure chiamate a concorrere alla sicurezza pubblica e privata, consentendo ai corsisti, una volta ultimato il percorso, di operare effettivamente ed attivamente.

I corsi sono validi ai seguenti fini:

  • alta formazione/aggiornamento professionale in linea al D.M. n°269/2010 per:



Steward di Stadio.

La figura dello steward  – è stata introdotta dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive e rappresenta una figura strategica in ambito di sicurezza negli stadi.


Per iscriversi nell'elenco Prefettizio, gli Addetti dovranno avere ottenuto un regolare certificato  di Perfezionamento o                    di qualifica.  In seguito alle disposizioni del Decreto del Ministero dell’Interno del 6 ottobre 2009 sulla G.U.R.I. n°236 del            Ottobre 2009 e del successivo Decreto del 17 Dicembre 2010, l’iscrizione nell'elenco della Prefettura del personale                “Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o                          in pubblici esercizi”, è resa OBBLIGATORIA dal 1 Luglio 2011. 


Programma

Durata: 90 ore complessive

  • SVILUPPO DELLE COMPETENZE GIURIDICHE (30 ORE)

Contenuti:

  1. Legislazione in materia di ordine e sicurezza pubblica;
  2. Disposizioni di legge e regolamentari che disciplinano le attività di intrattenimento di pubblico spettacolo e di pubblico                  esercizio;
  3. Funzioni e attribuzioni dell’addetto al servizio di controllo;
  4. Norme penali e conseguente responsabilità dell’addetto al servizio di controllo;
  5. Collaborazione con le Forze di Polizia e delle Polizie Locali


2) SVILUPPO DELLE COMPETENZE IN AREA TECNICA (30 ORE)

Competenze:
Essere in grado di operare in sicurezza e nel rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nozioni di primo soccorso, prevenzione incendi. Assumendo comportamenti idonei ad assicurare la tutela della salute propria e degli altri.

Contenuti:

  1. Disposizioni in materia di prevenzione degli incendi, di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  2. Nozioni di primo soccorso sanitario;
  3. Nozioni sui rischi legati all’uso e abuso di alcol, sostanze stupefacenti, AIDS.


3) SVILUPPO DELLE COMPETENZE IN AREA PSICOLOGICO-SOCIALE (30 ORE)

Competenze:
Essere in grado di utilizzare le tecniche di comunicazione, gestione di situazioni di conflitto in considerazione del proprio ruolo professionale e in relazione al contesto in cui opera.

Contenuti:

  1. Comunicazione interpersonale (anche in relazione alla presenza di persone diversamente abili);
  2. Tecniche di mediazione dei conflitti;
  3. Tecniche di interposizione (contenimento, autodifesa, sicurezza dei terzi).



Addetto al controllo di intrattenimenti e spettacoli

L’addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi (ex “buttafuori”) è una figura professionale disciplinata dal DM 6/10/2009 che prevede la partecipazione ad uno specifico corso di formazione per poter svolgere le funzioni di controllo.

Presso ciascuna Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo è istituito l’elenco del personale addetto ai servizi di controllo dove potranno essere iscritti i soggetti che dimostreranno di aver frequentato e superato il suddetto corso di formazione.

L’addetto ai servizi di controllo è una professione molto delicata, che richiede una formazione ben precisa. Per questo motivo il corso “Addetto ai servizi di controllo nelle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi”.

L’obiettivo del corso “Addetto ai servizi di controllo” è, dunque, quello di fornire ai partecipanti le capacità e competenze tali da poter svolgere le funzioni del personale addetto ai servizi di controllo che secondo il DM 6/10/2009 art.5 sono le seguenti:

Controlli preliminari: osservazione sommaria dei luoghi per verificare la presenza di eventuali sostanze illecite o oggetti proibiti che possano mettere a rischio l’incolumità o la salute delle persone; adozione di ogni iniziativa utile ad evitare che sia creato ostacolo o intralcio all'accessibilità delle vie di fuga.


Controlli all'atto dell’accesso del pubblico: presidio degli ingressi e regolamentazione dei flussi, verifica dell’eventuale possesso del titolo di accesso qualora previsto, controllo sommario visivo delle persone volto ad individuare l’introduzione di sostanze pericolose.


Controlli all'interno del locale: attività generica di osservazione per la verifica del rispetto delle disposizioni o regole di comportamento, concorso nelle procedure di primo intervento, che non comporti l’esercizio di pubbliche funzioni né l’uso della forza.


Al termine del corso “Addetto ai servizi di controllo nelle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi” verrà rilasciato un “Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento”, valido per l’iscrizione all'elenco prefettizio del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo di cui all’art.1 del DM 6 ottobre 2009.

L’ iscrizione all’ elenco prefettizio è subordinata al possesso di altri requisiti di cui al Decreto Maroni del 06/10/2009 ART. 1 P.TO

Durata 90 Ore



Aspirante Guardia Particolare Giurata

Il corso per aspirante Guardia Particolare Giurata si propone di fornire una preparazione teorico-pratica che consenta l’acquisizione di competenze e di capacità professionali richieste dalla normativa vigente per diventare guardie giurate, infatti, con l’entrata in vigore del Decreto Ministeriale n. 269/2010, a partire da marzo 2011, tutti coloro che intendono intraprendere questa professione devono, oltre agli altri requisiti previsti dalla normativa vigente, obbligatoriamente aver frequentato un corso di formazione valido ai fini del rilascio dell’attestato di frequenza quale condizione necessaria per poter prestare servizio presso un Istituto di Vigilanza.

La preparazione preventiva e’ un’ottima base di partenza per la richiesta di assunzione presso qualunque Istituto di Vigilanza, al quale avrà così modo di presentarsi con una precisa e completa formazione professionale che darà un ottimo vantaggio nelle selezioni rispetto a coloro che giungono agli Istituti privi di questa specifica formazione.

Oggi, gli Istituti di Vigilanza Privata necessitano di personale altamente preparato, addestrato e motivato per lo svolgimento non solo di tutti i servizi di sorveglianza, scorte e trasporto valori ma principalmente con conoscenza ed utilizzo dei moderni  sistemi tecnologici di controllo remoto.

Durata: ore 120 comprensive di stage presso gli istituti di vigilanza.


Programma:

  • Analisi di fatti di cronaca riguardanti i reati contro il patrimonio, strategie di prevenzione
  • Antincendio rischio alto
  • Antiterrorismo
  • Apparecchiature tecnologiche e servizi anti-rapina trasporto e scorta valori
  • Aspetti normativi relativi all'uso legittimo delle armi, porto, trasporto, uso, custodia armi
  • BLS Basic life support-defibrillation
  • C.C.N.L. di Categoria per i dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata
  • Comunicazione non verbale
  • Conoscenza norme T.U.L.P.S.
  • Difesa disarmata
  • Frequenza poligono di tiro a segno
  • Front office
  • Il piantonamento
  • La centrale operativa
  • MGA "Metodo Globale Autodifesa”- presso palestra attrezzata 
  • Nozioni di diritto costituzionale
  • Nozioni di diritto penale
  • Nozioni di procedura penale
  • Organizzazione dei servizi
  • Primo soccorso avanzato e prevenzione infortunio 
  • Privacy e security
  • Psicologia comportamentale
  • Redazione verbali
  • Regolamento di attuazione e decreti, prescrizioni emanate dall'autorità di P.S. 
  • Sicurezza aeroportuale per operatori esterni
  • Sicurezza sui luoghi di lavoro
  • Tecniche operative per l’esecuzione dei servizi
  • Tiro in fase di criticità
  • Trasporto e scorta valori
  • Uso, maneggio, custodia armi e tecniche operative
  • Utilizzo apparati ricetrasmittenti e apparecchiature tecnologiche in dotazione alla GPG
  • Vigilanza di ambienti e anti-taccheggio

 


Aggiornamento professionale obbligatorio per le guardie particolari giurate
 
Fino all'emanazione del decreto del Ministero dell’Interno riguardante l’individuazione dei requisiti minimi professionali e di formazione previsto dall'art. 138, comma 2, del T.U.L.P.S., da adottarsi con le modalità indicate dal Regolamento di esecuzione, il titolare dell’Istituto di vigilanza deve disporre con cadenza annuale un documento informativo di aggiornamento professionale per tutte le guardie giurate dipendenti; inoltre le guardie giurate devono partecipare ai corsi necessari all'aggiornamento del personale nel caso in cui vengano introdotte e utilizzate strumentazioni innovative sotto il profilo tecnologico, ovvero implementazioni e/o innovazioni della strumentazione in uso, finalizzati al miglioramento dell’efficacia dei servizi svolti, ovvero ad assicurare maggiori condizioni di sicurezza delle guardie giurate nello svolgimento degli stessi servizi o innovazioni normative e legislative per l’attività degli Istituti e delle guardie di particolare importanza.

Il corsi di formazione adempiono ai requisiti minimi di formazione previsti dal D.M. 269/10 e trattano le seguenti tematiche:

 

1.    conoscenza delle norme che regolano l'attività di vigilanza privata e le mansioni di guardia particolare giurata, nonché di               quelle relative alla sicurezza sul lavoro;

2.    conoscenza delle prescrizioni ed apprendimento teorico-pratico delle tecniche operative per l'esecuzione dei servizi;

3.    conoscenza dell’organizzazione aziendale e descrizione delle modalità di organizzazione delle varie tipologie dei servizi;

4.    acquisizione delle conoscenze tecniche operative relative all'uso, maneggio, cura e custodia delle armi;

5.    utilizzo degli apparati ricetrasmittenti, nonché di ogni altra apparecchiatura tecnologica utilizzata quale dotazione ;

6.    conoscenza delle norme del T.U.L.P.S. in materia di vigilanza privata;

7.    regolamento di attuazione e decreti collegati nonché prescrizioni emanate dall'Autorità di P.S.;

8.    nozioni di diritto e procedura penale con approfondimento degli aspetti normativi relativi all'uso legittimo delle armi, porto,             trasporto, uso, custodia e detenzione armi;

9.    nozioni di diritto costituzionale;

10.  contrattazione collettiva di comparto – legislazione in materia di lavoro;

11.  aspetti etico professionali;

Durata minima 9 ore.



Aggiornamento/Formazione obbligatoria per Investigatori Privati

Aggiornamento obbligatorio per i titolari di licenze di investigazione e dei collaboratori ai sensi del D.M. 269/2010 e s.m.i. e del DECRETO 25 febbraio 2015, n. 56 del Ministero dell'Interno.

Il DECRETO 25 febbraio 2015, n. 56 del Ministero dell'Interno ha stabilito l'obbligo dell'aggiornamento triennale dell'Investigatore Privato.


Programma

- Illustrazione del D.M. 269/2010 e del DECRETO 25 febbraio 2015, n. 56

- L’investigatore e la licenza penale

- L’investigatore privato come ausiliario dell’avvocato nell'ipotesi di atti persecutori detto “lo stalking”

- Istallazione di localizzatori GPS

- L’investigatore nell'ambito delle frodi assicurative.

Durata 8 ore



Corso per Investigatore Privato (Collaboratore Investigativo)

Questo corso prepara l’aspirante investigatore privato. Questa formazione è indispensabile per chi vuole intraprendere la professione di collaboratore investigativo all'interno di Agenzie di Investigazione Private.

Tale figura svolge infatti attività di investigazione quali:

  • Investigazioni private: che possono riguardare l’ambito familiare, matrimoniale, patrimoniale, o anche la ricerca di                          persone  scomparse;
  • Investigazioni aziendali: che possono riguardare azioni illecite da parte del prestatore di lavoro, infedeltà                                         professionale, tutela del patrimonio tecnologico, tutela di marchi e brevetti, concorrenza sleale, contraffazione di prodotti;
  • Indagini in ambito commerciale: volte all'individuazione e accertamento, anche a livello contabile, di ammanchi e differenze          inventariali nel settore commerciale;
  • Indagini assicurative: svolte al fine di raccogliere tutte le informazioni utili all'accertamento delle dinamiche di un sinistro.


Il programma del corso prevede la trattazione delle seguenti materie:

  1.   Introduzione: La figura del C.I.I.E.; Le principali caratteristiche dell’investigatore privato.
  2.   Le agenzie investigative: L’organizzazione, i principi cardine, le figure professionali e le diverse attività presenti all'interno di        un’agenzia investigativa e di sicurezza;
  3.   La Legislazione Nazionale: Il DM 269/2010; Le principali norme richiamate dalla Costituzione;  Richiamo ad alcuni Delitti del        Codice penale; L’art 134 del TULPS.
  4.   Il Segreto Professionale e la Privacy: → Art. 621 e 622 del c.p.;
    1. Art. 614 c.p. “violazione di domicilio”;
    2. Art. 615-bis “interferenze illecite nella vita privata”;
    3. Art. 615-ter “accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico”
    4. “Codice in materia di protezione dei dati personali”: 
    5. Il “Garante della privacy”: 
  5.   Il codice deontologico.
  6.   Come si svolgono le indagini, redazione del progetto/piano di intervento: L’Iter dal Cliente (Committente) al C.I.I.E.;                        Redazione da parte del investigatore privato per la relativa consegna del rapporto investigativo.
  7.   Stesura del rapporto investigativo: Esempi di rapporti investigativi “bianchi” ed esempi di rapporti investigativi conclusi.
  8.   Listini CERVED – Elenco dei certificati reperibili: Cos’è e come funziona il “Cerved”. Quali sono gli atti pubblici ed i                        certificati che possiamo reperire.
  9.   Il tesserino ed il portafoglio del “Collaboratore Investigativo”.
  10. Le forze dell’ordine: i rapporti con le autorità giudiziarie.
  11. Il GPS: spiegazione giuridica sull’utilizzo di questo strumento; informazioni pratica sull’utilizzo dello stesso.
  12. Le apparecchiature elettroniche del collaboratore investigativo:
    1. Le principali TELECAMERE e MICROTELECAMERE normalmente utilizzate;
    2. Le MICROSPIE; Cenni sui principali strumenti di bonifica;
    3. Software spia per smartphones e PC.
    4. I principali siti internet di interesse per il collaboratore investigativo.
  13. Esempi di come vengono svolte le indagini: L’attrezzatura indispensabile per il collaboratore investigativo. Esempi vari.

Durata: 12 ore.



Il corso per addetto ai servizi di portierato

Il corso per addetto ai servizi di portierato mira alla completa formazione di nuovo personale, pronto a svolgere servizi di sorveglianza presso contesti lavorativi sia pubblici che privati.

Un portinaio o portiere è un lavoratore che ha il compito di sorvegliare un immobile di natura residenziale, produttiva o terziaria. Per servizio di portierato si intende l’insieme delle attività e delle mansioni svolte dal portiere, figura professionale che, nonostante esista da lungo tempo, è in grado di rappresentare ancora oggi una valida soluzione lavorativa.

Si tratta di un mestiere che, nonostante non richieda il possesso di particolari titoli di studio o altri requisiti, dall'altro prevede lo svolgimento di un numero piuttosto elevato di compiti e pertanto necessita di essere affrontato con grande dedizione e pazienza.


Obiettivi del corso:

Dopo la formazione data dal corso per addetto ai servizi di portierato l’addetto potrà svolgere in totale autonomia e competenza mansioni di:

  • custodia,
  • sorveglianza,
  • vigilanza,
  • cura di beni immobili e mobili,

Sono tutte mansioni che richiedono competenze e modalità rigorosamente regolamentate. Inoltre, il corso mira far conseguire all’addetto alla custodia tutti gli attestati necessari a svolgere le proprie mansioni in armonia con la legislazione nazionale e richiesti da tutti gli appaltatori di servizi.


Programma del corso:

Il percorso formativo ha una durata di 40 ore, e, oltre a fornire importanti nozioni teorico pratiche sulla professione del portiere, comprende i moduli atti a conseguire attestati validi su territorio nazionale per:

  • Primo soccorso
  • Antincendio rischio elevato
  • Sicurezza sui luoghi di lavoro


Requisiti per accedere al corso:

  • maggiore età
  • buona salute psico-fisica
  • attestato scuola dell’obbligo
  • non aver riportato condanne penali per delitti non colposi

Durata: 40 ore



Corso per Indagini in ambito Commerciale (ex Antitaccheggio)

L’antitaccheggio è un’attività specificamente volta al contrasto del taccheggio e dei furti negli esercizi commerciali, e si fonda operativamente sull’allestimento di accorgimenti e strumenti di controllo di vario genere, compresa la vigilanza umana.

Il corso per Indagini in ambito Commerciale (ex Antitaccheggio) prepara gli aspiranti collaboratori della nostra agenzia ad essere impiegati nel settore investigazioni commerciali, prima della loro iscrizione al registro della prefettura.


Programma del corso:

  • Presentazione corso di formazione e docenza;
  • La Legge: Costituzione; Codice penale e DM 269/2010;
  • La figura giuridica del “C.I.I.E”
  • In che cosa consiste l’attività di antitaccheggio;
  • Il furto;
  • La rapina (propria/impropria);
  • Il sequestro di persona;
  • Il danneggiamento; l’ingiuria; la diffamazione.
  • L’arresto;
  • Le corrette modalità di “fermo”;
  • Il modulo di “fermo”;
  • Il Labelling;
  • La pratica;
  • Video vari.

Durata: 8 ore.


Police Story Theme (4 Different Versions)
11db11
0:00/1:55